Andrea Tardino: come scegliere le scarpe per l’attività fisica

Andrea TardinoAndrea Tardino

Se nel corso della vostra vita avete svolto diverse tipologie di sport, vi sarete resi conto di quanto sia importante indossare le scarpe giuste per ogni tipo di attività. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un vero e proprio boom del mercato delle calzature sportive, non solo perché sempre più sportivi e sempre più brand puntano forte in questo settore che, ogni anno, produce migliaia e migliaia di tipologie di scarpe differenti, ma anche perché indossare le calzature appropriate è di fondamentale importanza per la propria salute e per i risultati sportivi che si mira ad ottenere.

Abbiamo chiesto dei consigli a riguardo ad Andrea Tardino, fondatore di Wellness&Go. Andrea Tardino, dopo essersi laureato in Scienze Motorie, ha avviato quest’attività che, attualmente, sta riscuotendo un successo enorme. Ad oggi, circa una ventina di personal trainer lavorano per Wellness&Go. La specialità della casa sono dei corsi di allenamento efficaci di varie discipline che possono essere seguiti comodamente in ufficio o a casa grazie alla presenza di lezioni online. Andrea Tardino ci ha spiegato l’importanza di indossare le calzature corrette durante l’attività fisica, oltre che le differenze tra le diverse categorie di scarpe da tennis.

Prima di tutto, indossare la scarpa corretta previene l’insorgenza di problemi tendinei, articolari e muscolari nel corso del tempo. Inoltre, bisognerebbe cambiare le proprie scarpe ad intervalli regolari, prima che diventino troppo logore e, quindi, non in grado di proteggerci e migliorare le prestazioni sportive.

Tra i non esperti del settore c’è poca conoscenza e molto confusione a riguardo. Molti di noi sono del tutto ignari del fatto che esistono ben 8 categorie di scarpe da tennis, ognuna delle quali ha specifiche caratteristiche che la rendono più o meno adatta a particolari usi.

 

Andrea Tardino

Ci siamo fatti spiegare da Andrea Tardino le principali differenze tra queste tipologie di calzature:

Le scarpe A0 o minimaliste sono scarpe ridotte. Il loro peso è molto basso e lasciano molto spazio di movimento alle dita. Le scarpe A1, definite anche superleggere, devono necessariamente pesare meno di 250g. Questa tipologia di scarpa non offre nessuna risposta in ammonizzazione (consente la dissipazione dell’energia cinetica sviluppata nella compressione della scarpa), di conseguenza l’impatto della corsa verrà maggiormente avvertito a livello articolare.

Le scarpe A2 sono più pesanti delle precedenti ma non superano i 300g, diciamo che sono il giusto compromesso tra leggerezza e ammonizzazione. Mentre le scarpe A3 servono per lo più a garantire il massimo ammortizzamento. Sono più pesanti e meno adatte alla velocità, ma riducono l’impatto su tallone ed articolazioni.

Le scarpe A4 pesano poco meno di 400g e garantiscono un ottimo controllo del piede in corsa. Sono consigliate soprattutto per chi pesa più di 80 Kg.

Le scarpe A5 sono molto simili alle precedenti ma sono particolarmente adatte ad essere utilizzate fuoristrada e quindi sono più efficienti nella protezione della caviglia e mantengono buone prestazioni su qualunque terreno, anche bagnato e scivoloso.

Per finire, le scarpe A7 o chiodate sono iper leggere ed utilizzabili solo ed esclusivamente su pista per atletica leggera. Generalmente, invece, quelle che definiamo sneakers sono le scarpe fitness, sono solitamente utilizzate dai meno esperti e non presentano caratteristiche particolarmente adatte all’attività fisica.

Punteggio
[Totali: 3 Punteggio: 4]

Be the first to comment on "Andrea Tardino: come scegliere le scarpe per l’attività fisica"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*